AMARANTHUS tricolor

“Amaranthus gangeticus, Tampala, Mchicha, spinacio cinese”


gangeticus
Famiglia: Amarantaceae                                                                   Origine: Sud Asia

Caratteristiche: pianta annuale di rapida crescita, può arrivare al metro di altezza. Fiorisce da giugno ad agosto; è una pianta autofertile monoica che si auto-risemina facilmente. Coltivazione: ama terreni ben drenati e posizioni soleggiate; cresce bene anche in terreni argillosi e compatti. Si semina in tarda primavera in pieno campo o in semenzaio a fine inverno: i semi germogliano dopo 5-7 giorni a una temperatura minima di 10°C.

Valore terapeutico 1/5: tutta la pianta ha proprietà astringenti. È utile esternamente per trattare infiammazioni ed internamente come diuretico. Il decotto delle foglie più vecchie è utilizzato per rafforzare il fegato.

Edibilità 4/5: nel sud dell’Asia è considerato uno dei vegetali da foglia più importanti e consumati. Si cucina come una normale verdura ottima abbinata con il riso.  Le foglie crude si possono aggiungere in insalate, e consumare i giovani steli come asparagi. Dal sapore molto delicato questa verdura conosce ancora poca diffusione. Le foglie sono considerate proteiche; anche i semi sono molto nutrienti ma per via della loro dimensione ridotta sono difficili da masticare e assimilare. Questi contengono saponine (come i fagioli) ed è consigliato l’ammollo e il risciacquo prima della cottura.

 

Curiosità: gli amaranti sono una ricca famiglia con circa 70 varietà, molte delle quali originarie dell’America. Tutte molto decorative, vengono spesso utilizzate nei giardini, ma circa 20 hanno anche valore commestibile, di cui questa specie è la più importante. Già addomesticato in tempi preistorici come pianta da agricoltura, non si conosce il suo antenato originario; ci sono ad oggi tante varianti di Amaranto tricolor con colorazioni dal verde al viola molto suggestive; queste cultivar sono divise a seconda dell’habitat di coltivazione e dalle caratteristiche fisiche. L’amaranto segue il fotoperiodo, e arriva a fiorire quando riceve meno di 15 ore di luce al giorno. La maggior parte di questo genere di piante fa una fotosintesi chiamata “C4 carbon-fixation pathway” tipico di molte specie tropicali e sub tropicali come il mais, la canna da zucchero, il sorgo, l’euforbia: questo processo è particolarmente efficiente a temperature elevate, in pieno sole e in condizioni asciutte, ciò la rende una coltivazione utile in condizioni climatiche difficili. Da tutta la pianta si ottiene un colorante giallo o verde.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *