Solanum aethiopicum

“melanzana rossa, melanzana pomodoro”

 

melanzana rossaFamiglia: Solanaceae

Origine: Africa

Caratteristiche: è una solanacea nel portamento simile ad  una melanzana, ma dal frutto che ricorda un pomodoro. Può arrivare a 1,5 m di altezza, e nei nostri climi ha un ciclo annuale: non resiste al freddo. Il colore dei frutti può variare dal verde chiaro al verde scuro, oppure dal bianco al nerastro, fino alla maturazione, quando le melanzana diventano rossa-arancione, data l’elevata quantità di carotene in essa contenuto. La forma dei frutti può essere rotonda o ovale, varia a seconda della cultivar: quelle ovali sono particolarmente amare.

Coltivazione: è una pianta facile da coltivare, soprattutto se può godere di  una posizione soleggiata e un terreno ricco e ben drenato. Si semina in semenzaio in primavera, e si aspetta l’ultime gelate previste prima di trapiantarle in piena terra, quando le piantine hanno almeno 3-5 foglie.

Edibilità 3/5:i frutti della melanzana si consumano sia crudi che cotti, e si caratterizzano per il loro sapore piccante, con un gradevole retrogusto amarognolo. Sono ottime da conservare sottolio o sottoaceto, o stufate insieme ad altre verdure. Si utilizzano anche le foglie, da consumarsi come spinaci.

Valore terapeutico 1/5: In varie zone dell’Africa, le radici e i frutti vengono utilizzati per il loro effetto calmante, per curare coliche e pressione alta. Il succo ottenuto dalla macerazione delle foglie, invece, viene utilizzato per curare i disturbi uterini. Inoltre, l’estratto delle foglie viene utilizzato come calmante e antiemetico per curare il tetano associato all’aborto.

Curiosità: la melanzana etiope viene oggi coltivata in alcune zone del sud Italia, dove arrivò probabilmente con i reduci delle guerre coloniali alla fine del XIX secolo. Dopo un periodo in cui ha rischiato di essere dimenticata, dal 2007 la melanzana rossa di Rotonda (Basilicata) è riconosciuta come Presidio Slow Food. Intanto in Africa, la popolazione nigeriana degli igbo, continua ad accogliere tradizionalmente i visitatori in casa, offrendo loro questi frutti, solitamente accompagnati da burro di arachidi piccante, noce di cola e semi di pepe melegueta.

 

Lascia un commento