ASCLEPIAS syriaca

“Pianta dei Pappagalli”

Famiglia: Asclepiadaceae

Origine: Nord America

Caratteristiche: pianta perenne, resistente al freddo (-25°C), abbondante fioritura primaverile-estiva, altezza max 1m.

Coltivazione: pieno sole o mezz’ombra, coltivabile in qualsiasi terreno purchè ben drenato; preferisce i terreni torbosi; teme i trapianti. Coltivare il primo anno in vaso e poi porre a dimora. Tende ad autoriseminarsi; semi anemofili.

Edibilità 5/5: i fiori sono ricchi in nettare, i giovani virgulti sono un sostituto dell’asparago, i frutti si possono consumare ancora immaturi (2-4 cm) in soffritto o bolliti, dai semi si può ottenere un olio commestibile.

Proprietà curative 2/5: la radice bollita ha proprietà diaforetiche, diuretiche, emetiche, espettoranti e purgative; il lattice delle foglie viene usato come cicatrizzante e contro i reumatismi; gli indiani d’America utilizzavano l’infuso della radice come contraccettivo temporaneo.

Curiosità: fa parte di un genere ancora poco  conosciuto di piante. I fiori sono ricchi di nettare da cui si può trarre bollendoli una specie di miele. È chiamata in inglese “milkweed” cioè erba del latte a causa delle foglie e dei gambi che producono un lattice trasformabile in gomma o in colla. I frutti ben maturi vengono usati nei giubbotti di salvataggio, e per assorbire l’olio dal mare, oltre che come elemento decorativo. Dal fusto si ottiene una fibra di media qualità. L’Asclepias syriaca viene chiamata volgarmente la “pianta dei pappagalli” a causa dei suoi frutti piumati somiglianti a pappagallini. I frutti essiccati si possono usare come elemento decorativo.

Sei interessato ai nostri prodotti

VISITA IL NOSTRO SHOP

Lascia un commento